DONA ORA

FUNIMA International

Buona lettura!

"

Un percorso di solidarietà e crescita personale. Intervista ai volontari di Bari.

8 Mar 2024

Intervistatore: Salve a tutti, grazie per aver accettato di condividere le vostre esperienze con noi. Per cominciare, diteci qualcosa di voi e cosa vi ha spinto a unirvi a FUNIMA International e a intraprendere questa esperienza di volontariato?

Roberto: Sono Roberto Impedovo di Bari, referente della Puglia per FUNIMA International. Ho “solo” 66 anni e sono un nonno felice di 3 bei nipotini, uno per ciascun figlio. Sono sempre stato innamorato dei bambini e quando mi sono reso conto che non tutti avevano le stesse possibilità dei miei, ed in genere della maggior parte dei nostri bambini italiani, ho cominciato a pensare di fare qualcosa per loro. Pertanto, quando parte questa iniziativa, accolgo a braccia aperte la possibilità di dare concretamente una mano a questa organizzazione composta da tanti volontari di ogni età, ceto sociale, professione, cultura e religione diversi, ma accomunati dalla voglia di fare qualcosa per gli altri. “Cosa posso fare io?”. Vediamo dunque cosa abbiamo fatto noi nel tempo cercando di ricordarle visto le tante attività svolte.

Una delle prime attività che abbiamo fatto è stata l’esperienza di banchetti in città e Provincia dove abbiamo esposto oggettistica non più utilizzata, ma in buono stato oppure regali doppi e/o non graditi che ci venivano donati da amici e familiari con il doppio scopo di fare a loro un favore, ma avere anche l’opportunità di parlare dei nostri progetti. Presto la nostra offerta si è arricchita di tantissimi oggetti utili ed anche inutili ai quali in seguito si sono aggiunti giocattoli e articoli per la prima infanzia oltre a vestiario non solo per i bambini ma anche per adulti. Questo ci ha consentito quindi non solo di avere molti articoli per il banchetto ma di specializzarci. Attualmente infatti, ci sono alcuni volontari che seguono in particolare questo settore in collaborazione con associazioni del territorio che si dedicano a questo genere di attività. Questa conoscenza ci ha anche permesso, per esempio, di aiutare a riempire i container di aiuti per l’Ucraina e a portare del cibo a delle famiglie bisognose in collaborazione con qualche supermercato.

Altre cose interessanti sono gli eventi solidali di varia natura che organizziamo durante l’anno tra i quali possiamo citare le feste in maschera a Carnevale dove alcuni volontari hanno animato le serate per la gioia dei bambini e genitori e dove si è avuto anche l’occasione di parlare delle condizioni disagiate in cui vivono altri loro coetanei. Con lo stesso intento si sono susseguiti serate danzanti ma anche serate gastronomiche e ludiche. Esempi sono dati da alcuni incontri conviviali ai quali spesso contribuiscono gli stessi ristoratori, da serate con degustazione e Karaoke e serate, soprattutto a Bari, per gustare il famoso panzerotto, una tipica e famosa leccornia pugliese. Per quanto riguarda invece i momenti dedicati al gioco abbiamo organizzato tornei di burraco e tombolate nel periodo Natalizio durante il quale effettuiamo anche lotterie a premi.

Inoltre abbiamo coinvolto anche società sportive locali per partite di calcetto e delle giornate intere dedicate allo Yoga in location importanti come il Castello di Barletta, grazie anche alla condivisione e alla bravura del nostro Maestro Antonio Di Nanni che presta volontariamente la sua esperienza e insegna la disciplina dello yoga con un seguito positivo tra gli studenti. Per occasioni particolari quali la domenica delle Palme, la Festa della Mamma, ecc. abbiamo realizzato e venduto palme e piante per non parlare poi del periodo natalizio e pasquale durante i quali vendiamo panettoni, colombe, spumanti e tanti altri prodotti. È inutile dire che in ogni manifestazione è sempre presente il nostro banchetto che si è arricchito e specializzato. Infatti, sempre grazie a delle nostre volontarie che hanno dedicato il loro tempo e la loro bravura abbiamo potuto esporre tanta oggettistica artigianale e da oltre un anno, anche ottimi prodotti alimentari del nuovo Progetto MEDITERRANEO di FUNIMA che arricchiscono i prodotti già presenti da tempo che vendevamo tutto l’anno, quali il caffè e i vini. Sicuramente ho dimenticato tante altre belle cose che abbiamo fatto nel tempo e che continuiamo a svolgere con tanta buona volontà e compatibilmente al tempo e le capacità di ogni volontario e spero di aver trasmesso a ciascuno di voi che mi legge che possiamo fare tanto per gli soprattutto se si lavora insieme!

Andrea: Salve, è un piacere essere qui. Mi chiamo Andrea De Rosa, 24 anni e da 5 mesi che offro il mio tempo a questo progetto di volontariato. La mia decisione di unirmi a FUNIMA International è nata da una profonda spinta altruistica. Sono sempre stato attratto dall’idea di aiutare coloro che versano in condizioni di disagio, specialmente nelle regioni meno sviluppate dell’America Latina e oltre. I fondi e le risorse umane vengono impiegate per affrontare la grave emergenza acqua che in su America colpisce comunità che hanno bisogno del nostro aiuto. Attraverso il volontariato con FUNIMA International, ho visto l’opportunità di apportare un impatto tangibile e significativo in queste comunità. Il mio principale suggerimento sarebbe di accogliere con apertura le sfide e le opportunità che si presentano nel volontariato. È essenziale mantenere una mentalità flessibile e positiva, anche quando si affrontano ostacoli. Inoltre, è fondamentale coltivare pazienza e rispetto verso le persone e le comunità che intendiamo sostenere. Ognuno ha una storia unica e delle sfide personali da affrontare, quindi è importante ascoltare attentamente e agire con empatia. Grazie a te per questa opportunità. Accorrete numerosi, ogni persona volenterosa e che desidera aiutare il prossimo è ben accetta, troverà una seconda famiglia, garantito!

Vittoria: Sono contenta di fare parte di un gruppo che insieme agli altri gruppi aiutiamo queste persone disagiate che vivono in strada sole e senza il calore di una famiglia. Li aiutiamo portando loro delle coperte, cibo, ma soprattutto la nostra presenza che vediamo nei loro occhi, quella gioia, quell’amore. Siamo noi che impariamo da loro perché alla fine delle nostre iniziative ritorniamo alle nostre case soddisfatti, per aver dato un po’ di conforto ha questi nostri amici.

Pasqua: Nel 2007, grazie all’esperienza straordinaria di Giorgio Bongiovanni, ho avuto l’opportunità di conoscere l’associazione FUNIMA International Onlus. Da quel momento, ho iniziato a collaborare con altri volontari nella zona di Bari. Nel corso degli anni, abbiamo organizzato una serie di attività, tra cui banchetti, eventi, spettacoli e altro ancora, con l’obiettivo di raccogliere fondi per Funima e soprattutto coinvolgere le persone nel concetto di volontariato. Personalmente, collaborare con l’associazione mi ha arricchito interiormente in modo inestimabile, poiché ogni iniziativa rappresentava una sfida personale sia nell’organizzazione che nel lavorare in armonia con il gruppo. Durante ciascuna di queste iniziative, il mio cuore si riempie di un amore infinito, poiché attraverso questo impegno possiamo aiutare molte persone in difficoltà. A distanza di tanti anni, ogni iniziativa a favore di Funima ancora oggi mi emoziona e mi fa sentire viva, arricchendo il mio spirito, poiché come volontari possiamo esprimere i nostri talenti e sentirci parte di un progetto a favore della vita. Negli anni, abbiamo ricevuto molte consolazioni ed incoraggiamenti che ci hanno permesso di continuare a donare con tutto il nostro amore e di stare al fianco dei più deboli e indifesi, i quali a loro volta ci hanno insegnato tanto e ci hanno trasmesso uno dei valori più importanti: rimanere umani ed essere innamorati della vita. Desidero ringraziare dal profondo del mio cuore tutti i volontari per il loro impegno quotidiano nel portare speranza e amore nei cuori degli esseri umani.