DONA ORA

FUNIMA International

Buona lettura!

"

Diario di Victor Laconi – Ingegnere civile. III° parte

30 Ago 2023

Il primo viaggio è stato molto intenso, ma non abbiamo avuto abbastanza tempo per visitare tutte le comunità che avevamo programmato. Dovevamo ancora raggiungere Mosconi, Nueva Esperanza, La Medialuna a Embarcación e Las Varas a Pichanal.

Questa volta senza Nora, Tiziana e i fotografi, io e Giovanni ci siamo messi in viaggio.

Siamo partiti alle 15:00 – le strade si trovavano come sempre in pessime condizioni a causa di lavori incompiuti – e arriviamo a Las Varas, un luogo creolo molto piacevole, verso le 19:00. Come ricordiamo sempre, gli indigeni chiamano le loro popolazioni “comunidades”, e i criollos “parajes”.

Questo luogo, guidato da Don Juan Olivera, ha caratteristiche tipiche creole. Le loro case sono molto umili, ma a differenza degli indigeni, sono separate da recinti e il terreno è molto pulito. Dopo un tramonto che ha illuminato il paesaggio in modo incantevole, abbiamo deciso di continuare il nostro viaggio verso Tartagal, dove Giovanni ha assaporato un mate accompagnato da pane caldo appena sfornato. Una prelibatezza che qui chiamano “bollo”.

A Tartagal ci aspettava Belén Chalup, capogruppo UNIR del governo provinciale. Insieme a Jessica Olivieri, coordinano un gruppo molto numeroso di giovani chiamati “accompagnatori familiari”, che visitano le comunità osservando lo stato di salute dei bambini e informando così il governo di possibili problemi che possono sorgere.

Abbiamo svolto un ottimo lavoro con questo gruppo nella comunità di Nueva Esperanza, vicino alla città di General Mosconi. FUNIMA ha consegnato una cisterna flessibile, costruito un terrapieno e avviato un percorso di formazione sul corretto utilizzo dell’acqua. Il gruppo UNIR era responsabile della formazione per la costruzione di frutteti e la fornitura di sementi da parte dell’INTA.

I membri dell’UNIR desiderano che li accompagniamo nei loro viaggi e questo è molto positivo; ci siamo accordati per incontrarci nuovamente. Ci raccontano della situazione complessa che vivono gli accompagnatori, hanno costantemente ritardi nel percepire lo stipendio, possono passare anche tre mesi tra un compenso e l’altro.

Abbiamo successivamente intrapreso il viaggio ad Embarcación. Per noi è stato importante andare a La Medialuna, in seguito alla presentazione di un progetto molto importante ed è stato un bene che Giovanni conoscesse il posto.

Abbiamo incontrato Lucio, rappresentante del comune di Embarcación nel popolo di Dragones che ci avrebbe poi accompagnati alla comunità, a circa 25 km dal paese. Nel viaggio precedente non siamo riusciti ad arrivarci a causa del temporale. Questa volta è accaduta la stessa cosa. La pioggia aveva danneggiato l’intera strada e lo straripamento del fiume Bermejo aveva allagato un altro settore del comune. Lucio ci ha consigliato di non provarci. Era molto pericoloso e le probabilità di restare nel fango erano alte. Ciò avrebbe complicato l’andata e anche un eventuale salvataggio, visto che le squadre erano già impegnate a soccorrere gli alluvionati. La Medialuna era stata isolata.

Al ritorno, abbiamo deciso di visitare un’azienda tessile situata nella località di Hickman. In qualche reportage, abbiamo parlato di questo argomento. La Fondazione Molinos Cañuelas, una società argentina, è incaricata di gestire questa fabbrica di abbigliamento, i cui lavoratori sono Wichí. È interessante vedere come il capannone con le sue poche macchine da cucire e la vendita dei capi realizzati, riesca a dare una vera e propria forma di lavoro e reddito alla comunità. Ci hanno mostrato tutto e ci ha fatto molto piacere la possibilità, un domani,  di poter mettere in piedi un’impresa simile, consapevoli del fatto che le risorse necessarie non sono poche.

Mancava ancora la visita a Las Varas, programmata il giorno prima. I residenti ci stavano aspettando con la consueta cortesia. I vicini sono venuti a parlare e ci hanno raccontato la loro situazione. La passeggiata è stata molto piacevole, terminata nella casa di Don Olivera, dove abbiamo potuto vedere un tipico locale creolo. Frutteti ben curati, maiali, anatre, mucche, capre, galline. Il forno che consegna pane e una bibita fresca. Si capisce dalla faccia di Giovanni che si stava divertendo. Saremmo rimasti lì per tutta la notte. Sono così i viaggi al nord. Molto faticosi… ma soddisfacenti.

Le riunioni:

Come spiegato nella I° parte del Diario di viaggio, è passato molto tempo dall’ultima visita di Giovanni a Salta. Il governo nazionale, provinciale e municipale è cambiato. Era necessario che potesse vedere di presenza tutto il lavoro portato avanti in questo periodo. Pertanto, pianifichiamo non solo i viaggi, ma anche gli incontri con autorità e alcuni funzionari, con i quali interagiamo continuamente.

I temi affrontati con tutti sono i medesimi: i problemi del luogo, dell’azione del governo e la cosa più soddisfacente, il desiderio di tutti i funzionari che FUNIMA continui ad operare sul territorio.

Elencherò gli incontri in ordine cronologico e i funzionari che ci hanno ricevuto:

1) Silvina Vargas: ministra di Desarrollo Social, Jorge Rodríguez e i suoi collaboratori.

2) Daniel Soria: coordinatore del Ministerio de Infraestructura.

3) Monica Goicoechea: segretaria di Acción Social del Municipio di Embarcación.

4) Ricardo Isasmendi: Bodega Isasmendi.

5) Matías Gonza: contabile di Fundación  Amira.

6) Sergio Camacho: ministro di Infraestructura.

7) Belén Chalup e i suoi collaboratori: Team UNIR

8) Rodolfo Gallo: rettore della Universidad Católica di Salta e i membri della facoltà di Fundación

Ho ripetuto più volte in queste tre parti del diario che la visita di Giovanni è stata molto importante. Volevamo che osservasse personalmente i lavori che abbiamo svolto in questo periodo della sua assenza. E devo dire che l’aspettativa creatasi è stata ampiamente soddisfatta. Penso che il presidente e mentore di entrambe le associazioni (FUNIMA International e Fundación Amira) abbia mostrato con gioia ed entusiasmo quanto fosse felice e soddisfatto. Penso che l’abbraccio finale all’aeroporto, con gli occhi commossi, riassuma tutto.

Sempre connesso, sempre pronto, sempre felice. Giovanni è un promotore di buone energie. Per questo, un gruppo di persone sempre più numeroso lo segue ovunque.

Abbiamo parlato di tutto. Certo, prevalentemente di lavoro. Ma abbiamo anche parlato di un’infinità di argomenti molto importanti per la crescita personale. Storia, geografia, filosofia, sport, religione, politica e sicuramente molti altri che ora non ricordo.

Ma c’è un tema, tra i tanti, che vorrei evidenziare.

Nel secondo viaggio, dove siamo stati a lungo soli, in alcune occasioni abbiamo cominciato a riflettere, a filosofare. Senza pensarci prima, abbiamo parlato di cosa significhi trascendere.

L’essere umano vive cercando di trascendere. Forse la vita è molto breve ed è per questo che cerca sempre di lasciare qualcosa da ricordare.

Alcuni hanno la fortuna di lasciare cose da ricordare per sempre. Generalmente, gli artisti di rilievo lo fanno. Così troviamo musicisti come Mozart, Beethoven e altri che hanno fatto la storia. Scrittori, pittori, scultori, ecc. Alcuni atleti, anche se il tempo in memoria è inferiore.

Le persone comuni hanno meno opportunità di trascendere. Generalmente saremo ricordati dai nostri figli e dai nostri nipoti, ma le nostre storie saranno più brevi. La memoria nelle altre persone sarà breve.

Oggi, con grande emozione, vorrei dire che tutto il team FUNIMA International e Fundación Amira sarà un po’ più in là nella memoria delle persone dei luoghi in cui operiamo.

Con quello che abbiamo fatto finora e quello che ci resta da fare, e che sicuramente faremo, siamo già nella mente e nel cuore di tante persone, i figli di quelle persone e anche dei loro nipoti. Che bella sensazione.

Grazie a FUNIMA International in Italia e Fundación Amira in Argentina per avermela fatta sentire.

 

Con l’affetto di sempre

Víctor Laconi

Jawana Pelaj (uomo dal cappello bianco)

 

Diario di viaggio Trip to Argentina 2023. II°parte: https://funimainternational.org/2023/07/11/diario-di-viaggio-trip-to-argentina-2023-iiparte/
Diario di viaggio Trip to Argentina 2023. I°parte: https://funimainternational.org/2023/07/04/diario-di-viaggio-trip-to-argentina-2023-iparte/